Consauto
nomobile

Salute

Da domani in vigore il nuovo Dpcm: ecco le limitazioni

  • Categoria: Coronavirus
  • Scritto da Pietro Cuccaro
  • Visite: 66

Chiusura alle ore 18 di tutti i ristoranti, i bar e le gelaterie.
Salvi i negozi al dettagli, pur nel rispetto del distanziamento.
Stop a cinema, teatri, casinò, sale scommesse e parchi tematici.
Ferma l’attività di palestre, piscine, centri benessere e centri termali.
Chiusi anche gli impianti sciistici, che possono essere utilizzati solo dai professionisti per gli allenamenti

Sospese anche le feste dopo i matrimoni.
Vengono fermate anche le fiere, i congressi, i convegni in presenza.
Le crimonie pubbliche si devono svolgere senza la presenza di pubblico.
Cade quindi il limite dei 30, previsto dall’ultima ordinanza regionale.

Salve le funzioni religiose, si possono svolgere consentendo la distanza di un metro tra i fedeli ed evitando assembramenti, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi di culto.

Nelle scuole superiori, la cui apertura, con tutto di assembramenti nei mezzi pubblici, avrebbe portato a questo picco di contagi secondo gli esperti, sarà possibile portare la didattica a distanza anche oltre il 75%.

Queste alcune delle misure inserite nel nuovo decreto del presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, firmato nella notte fra sabato e domenica.
Sarà in vigore da lunedì 26 ottobre fino al 24 novembre.

Di fatto, non più del 25 per cento degli studenti potrà frequentare le scuole: una misura che abbassa ulteriormente la soglia rispetto al 50% previsto dall’ultima ordinanza della Regione Umbria.
Le scuole primarie e dell’infanzia, per il momento, rimangono in presenza.

Per i ristoranti salvo il pranzo della domenica, dopo che si era addirittura ipotizzato un vero e proprio lockdown domenicale.

Infine, viene "fortemente raccomandato" lo smartworking e lo spostamento dalla propria abitazione solo per motivi di lavoro o di salute: non un divieto, quindi, ma una raccomandazione, che fa leva sul buon senso e sullo civismo degli imprenditori e dei cittadini. Al momento non è previsto il ripristino delle autocertificazioni, che avevano caratterizzato il primo lockdown.

Strade o piazze dove c’è pericolo di assembramenti possono essere chiuse alle ore 21 dai sindaci, per prevenire assembramenti.

Come di consueto, le Regioni dovranno ora ratificare le misure e avranno facoltà di inasprirle ulteriormente (ma non di alleggerirle) con apposite ordinanze.

Lo slittamento della firma, stando a quanto trapela, sarebbe avvenuto proprio in virtù del serrato confronto con le regioni, che chiedevano al governo di farsi carico delle misure più restrittive e, soprattutto, di compensarle con aiuti economici alle imprese costrette a limitare la propria attività e quindi gli introiti.

Covid, 463 nuovi positivi, tre morti e 4 terapie intensive in più

  • Categoria: Coronavirus
  • Scritto da Pietro Cuccaro
  • Visite: 60

Sono 463 i nuovi casi di Covid-19 registrati sul territorio dell’Umbria nelle ultime 24 ore a fronte di 3.397 tamponi (tasso di positività del 13,62%).

I guariti sono 86 mentre ci sono purtroppo tre ulteriori decessi con Covid.

Aumentano (+4) i ricoveri in terapia intensiva.

I dettagli nel tg delle 13.30

Parla umbro volontario vaccino Covid: "Pronto entro l’anno" (VIDEO)

  • Categoria: Sanità
  • Scritto da Marco Taccucci
  • Visite: 266

Ed in questa nuova fase dell’emergenza la domanda di tutti è quando arriverà il vaccino.
Venerdì sera durante "In Umbria", la trasmissione di UmbriaTv condotta dal direttore Giacomo Marinelli Andreoli è intervenuto il dottor Antonio Metastasio, medico psichiatra originario di Terni che vive in Regno Unito.
Metastasio è uno dei volontari che sta testando il vaccino anticovid elaborato da un team italiano e dall’Università di Oxford.
Per lui il vaccino potrebbe essere distribuito entro la fine dell’anno.
Servizio di Marco Taccucci

Azienda Ospedaliera riduce attività CUP generali

  • Categoria: Sanità
  • Scritto da Redazione
  • Visite: 55

L’ Azienda ospedaliera di Perugia ha deciso di ridurre l’attività degli sportelli CUP generali. Restano aperti solo i CUP di secondo livello situati negli ambulatori dedicati per garantire le prenotazioni di follow up e visite programmate, e la cassa centrale per la riscossione dei ticket.
I cup resteranno aperti su richiesta e anche per il ritiro delle cartelle cliniche.

Covid, 447 nuovi positivi su 3.595 tamponi

  • Categoria: Coronavirus
  • Scritto da Lisa Malfatto
  • Visite: 136

Sono 447 i nuovi positivi di oggi in Umbria intercettati dai 3.595 tamponi effettuati. Sale a 3.635 il numero degli attualmente positivi per un totale di 6.307 casi dall’inizio della pandemia.
Il numero dei decessi ha toccato quota 100, 3 in più rispetto a ieri.
Aumenta a 204 il numero delle persone ricoverate (di cui 21 in terapia intensiva), 11 in più rispetto alle 193 di ieri mentre c’è una persona in meno in terapia intensiva.
In isolamento si trovano 4.977 persone mentre sono 53.071 quelle uscite dall’isolamento dall’inizio della pandemia.

I Nostri Programmi