Nesta: Abbiamo un mese, la A sogno possibile. Quei tre davanti...(FOTO CERQUIGLINI)
Skin ADV

Nesta: Abbiamo un mese, la A sogno possibile. Quei tre davanti...(FOTO CERQUIGLINI)

 

QUESTE LE DICHIARAZIONI DI NESTA DURANTE LA PRESENTAZIONE :

E‘ come ha detto il presidente, a Gennaio avevo un mezzo impegno con un’altra squadra. Sono venuto a salutare Rubinacci che abita a Passignano, ho salutato Goretti. Ho visto il campo, dove ci alleniamo, la società , mi è piaciuto tutto e mi è scattata la voglia.

Voglio ringraziare Breda e i ragazzi perché mi hanno apparecchiato la tavola  e dato la possibilità di giocare i play off, non  conosco mister Breda ma se avrò l’occasione ci prenderò un caffè. 

Adesso andiamo a Empoli, dobbiamo vincere per recuperare l'entusiasmo per giocare i play off.  I giocatori che ci sono sono i più forti del mondo, si riparte da zero. Spero che i tifosi lascino tutto alle spalle, se c’è qualcosa di sospeso lasciamolo a fine stagione:  non possiamo tenere indietro nessuno. Noi dobbiamo stare tutti  uniti per provare ad andare  in Serie A, se  riusciremo a farlo potremmo provarci. Qua è calcio evoluto, le pressioni sono diverse. Però fare calcio è difficile in tutto il mondo.

Il modulo? Non voglio stravolgere niente, dobbiamo trovare un paio di moduli per farci trovare pronti a qualsiasi cosa .

Diamanti lo conosco da tempo, da Natale che ho iniziato a studiare, con Rubinacci che ha osservato tutto e mi relazionava. So tutto di questa squadra, i leader ci sono, gente che ha fatto calcio per tanti anni e professionisti responsabili che sono sicuro sono pronti a dare tutti.

Ai ragazzi ho detto che fare i play off è  importante, ma chi perde sara normale. A me è sempre piaciuto emergere, credo nella gente che sogna. Chi non cerca qualcosa in più è destinato a scomparire: dobbiamo provarci, per tutti. 

In B a parte l’Empoli tutti hanno pregi e difetti: sono tutte battibili,  tutti ti possono battere. Alcuni ex colleghi come Inzaghi e Grosso mi hanno fatto gli auguri, gli e l’ho rimandati: sono tutti grandi amici.

Come il Pescara di Oddo che fece la svolta offensiva?: Dipende , uno deve avere equilibrio attaccando con più giocatori possibili  ma con l’atteggiamento di evitare le ripartenze .

Perugia ci fece un gran favore, sono in debito: a Roma c’erano 35 gradi,  qui diluviava. E poi qui erano sempre battaglie, campo stupendo e grande clima .

Inzaghi ha fatto un grande campionato, con idee coraggiose che mi hanno stupito.

De Vrij lo farei giocare, i contratti ci sono apposta e lui fino al 30 giugno è un giocatore della Lazio.

Se facciamo risultati riporteremo la gente allo stadio.Se vinciamo a Empoli creiamo entusiasmo tra i giocatori e nell’ambiente.  

Gli attaccanti del Perugia sono più forti, se supportati da un organizzazione. Mi piacciono gli attaccanti che attaccano la profondità, Di Carmine fa questo mentre Cerri sa fare tutto. E poi hai Diamanti che è un genio e la mette dove vuole. Possono giocare tutti e tre, l’importante è che si sacrificino per la squadra.

Abbiamo un mese e basta, quello che abbiamo nella testa e nelle gambe dobbiamo darlo tutto in questo mese.

Mancini non l’ho sentito, solo qualche mese fa. È una figura giusta per la Nazionale perché è uno credibile perché adesso il calcio italiano ha bisogno di questo.

Futuro? Alla fine di questa esperienza avremo fatto un mese perché insieme : sono un allenatore giovane, sono stato sette  anni fuori. Conosciamoci, poi se ci piacciamo valuteremo.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545