consauto
nomobile

Giudiziaria

Sviluppi su morte per broncoscopia: 4 medici indagati, domani autopsia

  • Categoria: Giudiziaria
  • Scritto da Redazione
  • Visite: 90

Ci sono sviluppi sulla vicenda del 73enne di Umbertide morto dopo essere stato sottoposto ad una broncoscopia presso l'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. La procura della Repubblica del capoluogo, infatti, ha iscritto tre pneumologi e un’anestesista nel registro degli indagati. Intanto è stato conferito al medico legale Donatella Fedeli l'incarico di svolgere l’autopsia che avrà luogo domani. L'esame è stato disposto per accertare la sussistenza di un nesso di causalità fra l'operato dei sanitari e il decesso dell'uomo e anche per stabilire se i medici abbiano agito con imperizia, imprudenza o negligenza nella fase diagnostica e terapeutica.


Rudy Guede: botta e risposta avvocati Maori e Ballarini su permanenza

  • Categoria: Giudiziaria
  • Scritto da Redazione
  • Visite: 68

Botta e risposta sulla regolarità della presenza di Rudy Guede in territorio nazionale tra gli avvocati Luca Maori e Fabrizio Ballarini. Secondo l'avvocato Maori, Guede deve  "essere espulso" dall' Italia: l' ivoriano ha da poco terminato di scontare la condanna a 16 anni di reclusione per l' omicidio di Meredith Kercher, compiuto a Perugia nel novembre del 2007.

Maori fu difensore di Raffaele Sollecito, definitivamente assolto con Amanda Knox dall' accusa di avere partecipato al delitto.

"Guede -ricorda l'avvocato Maori- non ha un permesso di soggiorno in quanto il suo originario è scaduto".

Immediata la replica dell'avvocato Fabrizio Ballarini, legale dell'ivoriano: "La posizione di Rudy sul territorio nazionale è regolare: è  titolare di permesso di soggiorno e le informazioni in possesso dell' avvocato Luca Maori non sono corrette così come le sue affermazioni".

Chiesto giudizio per sindaco, ipotesi truffa danni Comune

  • Categoria: Giudiziaria
  • Scritto da Noemi Campanella
  • Visite: 101

La Procura di Perugia ha chiesto il rinvio a giudizio del sindaco di Passignano sul Trasimeno, Sandro Pasquali, ipotizzando a suo carico il reato di truffa aggravata (in quanto commesso ai danni del Comune) e continuata (perché protrattasi nel tempo) in relazione ai contributi previdenziali che gli vennero versati dopo essere stato assunto dal gruppo regionale del Pd. L’udienza è stata fissata per il 20 dicembre.

I Nostri Programmi